instagram e-commerce

Instagram e-commerce: cosa cambia per brand e utenti?

Instagram e-commerce. No, non è una semplice fantasia proiettata in un futuro non molto lontano, ma solo l’ultima delle novità grandi annunciate dal social.

Presto, infatti, saranno introdotti i tag commerciali, che consentiranno agli utenti di scoprire informazioni aggiuntive sui prodotti che compaiono nelle foto condivise. Quante volte ci è capitato di vedere un outfit su Instagram e volerne immediatamente sapere di più per comprarlo?

Ora sarà possibile, e potremo anche essere direttamente indirizzati allo store online del brand. Vediamo come.

Instagram e-commerce: come funziona

I brand potranno inserire dei tag commerciali nelle foto condivise, che indirizzeranno l’utente verso due diverse opzioni: una dedicata ad informazioni aggiuntive sul prodotto, che compariranno direttamente nella foto, l’altra dedicata all’acquisto vero e proprio negli store online del brand.

instagram e-commerce
Fonte: Instagram Business blog

Come mostrato nell’immagine sopra, l’opzione per accedere alle informazioni si troverà in basso a sinistra nella foto. Cliccandoci sopra compariranno le informazioni integrate nell’immagine, sotto forma di tag, che rimandano al solo prodotto in “vetrina”; infine l’opzione di acquisto.

Perché Instagram e-commerce rappresenta una novità per l’utente?

Solitamente le esperienze di acquisto online non consentono di ottenere molte informazioni aggiuntive sui prodotti, perché conducono direttamente all’acquisto, in genere con l’opzione “Buy now”.

Instagram, prima di decidere di lanciare i tag commerciali, ha condotto una ricerca interna che ha rivelato che la maggior parte delle decisioni d’acquisto vengono prese nell’arco di 24 ore o anche più, e solo il 21% degli acquisti viene finalizzato in un solo giorno. A differenza che nella vita reale, forse, nello shopping online sentiamo maggiormente il bisogno di saperne di più e avere informazioni e tempo adeguati per rifletterci. 

L’Instagram e-commerce introduce quindi un nuovo modo di concepire l’acquisto online, offrendo un’esperienza più ricca per il consumatore in fase di decisione. Una volta raccolte le informazioni necessarie e finalizzata la decisione, si potrà procedere con l’acquisto vero sempre attraverso l’app, negli store online dei brand.

https://vimeo.com/189697605

…e per i brand?

Per il momento la feature è in fase di testing negli Stati Uniti, con 20 brand e un ristretto numero di utenti dotati di dispositivi iOS.

Dave Gilboa, co-founder e co-CEO di Warby Parker – uno dei brand che stanno partecipando al testing – spiega così l’interesse verso questa novità:

“Attualmente, per i brand non esiste un modo semplice e snello per condividere i dettagli sui prodotti mostrati nei post. I consumatori spesso devono chiederci informazioni, complicando l’esperienza sia per loro che per noi. Ecco perché siamo entusiasti di questa soluzione facilmente integrabile e incentrata sul consumatore”. 

https://vimeo.com/189697604

Cosa significa per Instagram?

Da tempo ormai il social sta puntando ai brand. I nuovi tag commerciali seguono una serie di cambiamenti in ottica business, soprattutto riguardanti gli ads introdotti ormai un anno fa.

A giugno, per esempio, un primo aggiornamento sulle call to action degli ads: estese all’intera larghezza dell’immagine, con il testo sulla sinistra.

Poi, in ottobre, altri piccoli miglioramenti:

  • il bottone della call to action rimane evidenziato se l’utente rimane per 4 secondi sull’ad o tocca il nome del brand
  • il bottone della call to action appare nei commenti
  • quando un utente attiva l’audio sui video-ads, viene indirizzato all’URL di destinazione ma il video continua ad essere visualizzato in play, in alto nello schermo (con la possibilità di passare al full screen o chiuderlo)

 

instagram e-commerce
Fonte: Instagram Business blog

 

instagram e-commerce
Fonte: Instagram Business blog

 

instagram e-commerce
Fonte: Instagram Business blog

Cos’altro c’è da aspettarsi, ora, con le nuove funzioni orientate all’e-commerce?

C’è da temere che il social di photo sharing si trasformi in una vetrina per soli scopi commerciali?

La nuova feature, in realtà, è stata accuratamente valutata tra oltre 150 opzioni, a cui il team dedicato di Instagram ha lavorato proprio con l’obiettivo di non trasformare l’app in un “sensazionale catalogo” di prodotti, come riporta Bloomberg.

I tag commerciali inaugurano il lancio di una strategia più ampia che seguirà nei prossimi mesi, mirata proprio a migliorare l’intera esperienza d’acquisto attraverso Instagram, ma senza interferire in modo invadente e invasivo sulla natura del social.

Questo primo passo servirà ad ottenere insights su cosa migliorare e su cosa puntare in futuro per lo shopping da mobile. In prospettiva, alcune idee che già adesso sembrano realizzabili sarebbero la possibilità di salvare i contenuti che ci interessano, un po’ come avviene già su Pinterest, introdurre uno strumento di ricerca per i prodotti o un modo per confrontare prodotti e negozi fra loro.

Staremo a vedere. Per ora, l’introduzione dei tag rappresenta di sicuro un’opzione in più per chi può essere interessato a comprare  su Instagram, e una grande opportunità per i brand.

Su Instagram, puoi leggere anche:

Vuoi gestire i tuoi social da un’unica piattaforma, analizzare e migliorare le tue performance e collaborare in team? Scopri Hootsuite!

Provalo gratis