revisione dei contenuti

12 consigli per la revisione dei contenuti sui social media

Revisione dei contenuti: non sottovalutarla, metti al sicuro l’immagine del brand!

JAPADOG è una piccola, meravigliosa azienda che gestisce un chiosco ambulante e un ristorante nella mia città, Vancouver, con l’obiettivo di “rendere il mondo più felice grazie agli hot dog!”

Come potrai immaginare, i fan di JAPADOG sono rimasti sconvolti nel veder apparire questo post su Facebook:

Mentre gli utenti già iniziavano a piangere il lutto per la chiusura degli amatissimi negozi e chioschi ambulanti, augurando ogni bene ai proprietari per i loro futuri impegni professionali, JAPADOG si è trovata a dover chiarire che in realtà avrebbero chiuso solo per quel giorno.

Un esempio innocente (anche se il commentatore che ha scritto “Ho appena avuto un mezzo infarto” potrebbe non essere d’accordo) che fa capire quanto un chiarimento tempestivo possa aiutare a evitare gli equivoci. La posta in gioco, però, non è sempre così bassa.

Il mondo dei social pullula gaffe destinate a trasformarsi in epic fail. E se alcuni refusi sono davvero di dimensioni madornali – come quello dell’involontario insulto razzista su Yahoo Finance, divenuto leggendario – anche una svista apparentemente meno grave può provocare un danno enorme all’immagine del tuo brand.

Da una ricerca condotta da Global Lingo emerge che il 59% dei clienti non entrerebbe mai in affari con aziende che pubblicano contenuti con errori grammaticali o di ortografia. Una semplice revisione ben fatta può davvero cambiare le sorti del tuo brand. E del tuo lavoro.

Come revisore che ha iniziato a lavorare quando ancora i testi venivano stampati e corretti a penna, negli anni ho visto cambiare parecchie cose. Ma il valore di una scrittura chiara e precisa non è affatto cambiato.

Ecco i miei suggerimenti migliori per far sì che la revisione dei contenuti diventi una componente veloce e indolore della prassi di pubblicazione sui social. E magari anche piacevole.

12 suggerimenti per la revisione dei contenuti sui social media

#1 Intervieni chirurgicamente 

I chirurghi che operano in traumatologia utilizzano il triage per attribuire diverse priorità al trattamento dei pazienti, in modo da minimizzare il numero di decessi.

Potresti non avere il tempo di verificare l’esatta ortografia di ogni parola, ma dovresti dedicare qualche minuto a controllare che tu e il tuo team non stiate perlomeno promuovendo i competitor o facendo riferimento ad atti erotici in un annuncio pubblicitario rivolto alle famiglie.

Proprio come un chirurgo, devi imparare a identificare le patologie più pericolose per il brand e a curarle per prime.

#2 L’editing in stile Beavis and Butthead

Prima di pubblicare qualcosa, leggilo come se fossi nei panni di Beavis e Butthead: in cerca, cioè, del primo pretesto per farti una risata e prendere in giro qualcuno. Se non è la risata ciò che vuoi ottenere, rimedia prima che quel contenuto finisca nelle grinfie di internet e dei tuoi haters.

Per motivi abbastanza intuibili, la catena di supermercati @aldiaustralia non ci ha messo molto a pentirsi di questo tweet, ad esempio:

revisione dei contenuti

Foto di Facebook da Metro 

#3 Umorismo: maneggiare con cura

I social media e l’umorismo sono un’accoppiata vincente. Ma non è il caso di scherzare con un utente che si sta lamentando pubblicamente di un tuo prodotto o servizio.

Prima di fare una battuta, sii consapevole dello stato emotivo degli utenti a cui ti rivolgi e del più ampio contesto nel quale comunichi. Chiunque lavori all’assistenza clienti ti dirà che gli utenti che attendono un rimborso sono un pubblico difficile. E, giustamente, poco propenso all’ironia.

Non c’è bisogno di ricordarti che una battuta con riferimenti all’etnia, al sesso o alla condizione economica di qualcuno non è una buona idea. Vero?

Per chiarire il concetto, cito l’ormai famigerato e inopportuno tweet #TacoTuesday, condiviso sull’account della catena di bar con sala giochi Dave & Buster’s:

revisione dei contenuti

Foto di Twitter da AdAge 

#4 Quattro occhi sono meglio di due

Se dovessi tirare a indovinare, direi che nessuno degli esempi illustrati fin qui in questo articolo è stato rivisto da almeno due persone prima di essere pubblicato.

In quanto scrittori, tutti abbiamo un punto debole. (Non so perché ma io sono incapace di ricordare con certezza che scienza si scrive con la “i” e devo controllare tutte le volte. Vai a capire).

Spesso lavoriamo insieme ad altri colleghi. Ma anche se sei un autore professionista che lavora da solo, sicuramente conosci qualcuno con un discreto stile e dotato di buon gusto, a cui non dispiacerebbe dare un’occhiata ai tuoi tweet prima di darli in pasto alla rete. Se lavori presso un’agenzia o un brand, probabilmente un membro del team (o un intero team) sarebbe ben felice di farti notare che dovresti proprio smetterla di mettere la virgola tra soggetto e predicato, ad esempio.

#5 Riscrivi qualsiasi cosa risulti ambigua

Come ben sanno i proprietari di JAPADOG, l’ambiguità genera confusione. Prima di pubblicare un messaggio, chiediti se ciò che hai scritto possa essere frainteso. Se la risposta è sì, ovviamente devi riuscire a scriverlo più chiaramente. E in modo che il senso risulti inequivocabile.

“Bimensile” è un buon esempio di termine ambiguo da evitare. E non siamo gli unici a pensarlo.

Se è necessario consultare un dizionario per comprendere il senso di un post, significa senza dubbio che era meglio formularlo in un altro modo. O almeno accorgersene durante la revisione dei contenuti.

#6 Distingui tra ossessioni positive e negative

Sì, le regole grammaticali e le consuetudini sono importanti, ma non sempre violarle è un errore.

In The Elements of Editing, che è stato scritto nel 1982 ma è tuttora un’ottima lettura, l’editor Arthur Plotnik condivide esempi di ossessioni negative – come preoccuparsi inutilmente di errori grammaticali di minore importanza o errori di formattazione – e di ossessioni positive – riformulare più e più volte un titolo fino a ottenerne uno perfetto, ad esempio.

Beh, i consigli di Plotnik valgono ancora. Quando ti occupi della revisione dei contenuti, concentrati affinché la forma e il senso siano efficaci ed accattivanti, rilevando gli errori che effettivamente ne comprometterebbero chiarezza e leggibilità.

Un altro editor di cui amo la posizione su questo punto è Carol Saller, autrice del Subversive Copy Editor ed Editor del Chicago Manual of Style Online Q&A. Il suo libro è una valida lettura su come gli editor possano “opporsi alle ossessioni, bandire le insicurezze e sviluppare un’inclinazione per la prudenza, la trasparenza e la flessibilità”. Se sei un fanatico delle parole, segui il suo account su Twitter @SubvCopyEd.

#7 Scegli i tuoi riferimenti di stile

La giornata lavorativa può essere molto più produttiva se non la passi a discutere se è meglio usare la virgola di Oxford o no. (Vuoi la mia opinione? Usala e basta).

Seleziona alcune fonti stilistiche a cui ricorrere per risolvere queste dispute (o meglio ancora, per cercare le parole e le regole d’uso prima di iniziare a discutere con qualcuno). Se lavori presso un’agenzia o in-house per un brand, il tuo team potrebbe aver già provveduto.

Avrai bisogno di una style guide per questioni di carattere generale su tono e stile, e di un dizionario per l’ortografia. Noi di Hootsuite facciamo riferimento all’Associated Press Stylebook per lo stile – oltre alla nostre linee guida interne, ovviamente – e al Merriam Webster per l’ortografia. Entrambi hanno pratiche versioni online (anche se dovrai pagare una piccola somma mensile per l’AP stylebook).

#8 Prepara la style guide del brand

Ogni brand che pubblica contenuti dovrebbe avere una style guide aziendale. Un manuale redatto e seguito correttamente consente ai nuovi autori del team di essere subito operativi, oltre ad assicurare la correttezza e la coerenza dei contenuti.

Di norma, i brand più affermati dispongono style guide esaurienti e dettagliate, specialmente se svolgono attività editoriale. Il Chicago Manual of Style è praticamente il riferimento principale per la stampa, mentre quello per il giornalismo e la scrittura in generale è l’AP Stylebook. Da tempo sono un sostenitore della Content Style Guide di Mailchimp: rappresenta il compromesso perfetto, poiché offre indicazioni sufficienti per scrivere bene senza perdersi in dettagli inutili.

Non è necessario che il tuo manuale di stile sia completo dei minimi dettagli o abbia un design accattivante, specialmente all’inizio. Ti basta creare un file e aggiornarlo quando fai una scelta di stile, in modo da risparmiare tempo la volta successiva. Inoltre, è molto utile aggiungere una sezione riepilogativa con contenuti “estranei” al brand o altre parole ed espressioni da evitare.

Se sei pronto a creare la tua style guide per i social media, ecco da dove puoi cominciare.

#9 Scopri cosa funziona sui tuoi social

Un ottimo inizio è creare contenuti che non danneggino il brand, privi di refusi e scelte stilistiche incoerenti, ma non ha molto senso pubblicare contenuti perfettamente corretti se non suscitano engagement e riscontro da parte della tua audience.

Parte del tuo lavoro di editor consiste anche nel riconoscere ciò che fa breccia nel cuore dell’audience e sfruttarlo al massimo. Impara a misurare l’efficacia dei contenuti con le metriche giuste e a usare bene gli hashtag. Scopri ciò che funziona su Facebook, Twitter e gli altri social network. Aiuta il tuo team a creare e pubblicare i contenuti più efficaci.

#10 Fatti aiutare dalla tecnologia

Il lavoro dell’editor consiste nell’aiutare gli autori a trasmettere ottimi contenuti. Uno dei modi è la buona vecchia revisione dei contenuti tradizionale, ma oggi sono sempre di più software a cui puoi affidare almeno il grosso del lavoro.

Consulta il nostro elenco di tool per la scrittura e prova a usarne alcuni con il tuo team. Io ad esempio amo moltissimo l’app Hemingway per rimuovere verbosità inutili e Grammarly per il controllo grammaticale, ortografico e della coerenza intrinseca del testo.

#11 L’editing come parte delle attività sui social

Se lavori presso un’agenzia o in-house per un brand, forse usi già i software di gestione dei social media per amministrare più profili.

Una delle caratteristiche di questo tipo di software è la capacità di gestire le procedure di approvazione dei post. I piani Hootsuite Team, Business e Enterprise ti permettono di organizzare i team e i flussi di lavoro per evitare errori banali e post indesiderati.

HMV avrebbe sicuramente tratto vantaggio dalle feature per la gestione del flusso di lavoro e delle approvazioni dei post durante questa crisi su Twitter:

revisione dei contenuti

Foto di Twitter da National Post

#12 Scrivi…bene

Se pensi di poter migliorare il contenuto scritto con estrema fatica da un autore, forse dovresti prima cimentarti nella sua stessa impresa.

Se non altro, fare pratica con la scrittura farà di te un editor più comprensivo. Inoltre, ti aiuterà a sviluppare sensibilità verso sfumature e aspetti più sottili della lingua: dote indispensabile sia per la scrittura, sia per la revisione dei contenuti.

Se non hai ancora letto The Elements of Style, fallo subito. Si tratta di un classico di rapida lettura che spiega le regole di scrittura che ogni autore dovrebbe saper padroneggiare. L’editor è molto più di un fissato della grammatica! (A proposito, se usi ancora il termine grammar-nazileggi questo articolo di @grammargirl sul motivo per cui sarebbe ora di smettere).

Infine, ricorda che giochi un ruolo chiave per la divulgazione di contenuti validi, salvando la reputazione del brand e favorendo la crescita degli autori del team. Per citare Arthur Plotnik: “Tu scrivi per comunicare alle menti e ai cuori degli altri ciò che brucia dentro di te. Noi correggiamo per far vedere il fuoco attraverso il fumo”.

Gestisci e analizza i tuoi contenuti sui social con le soluzioni Hootsuite.

Provalo gratis!

Articolo originale pubblicato sul Global Blog Hootsuite