Skip to content
Strategia

Hashtag di Instagram: la guida definitiva

Gli hashtag di Instagram possono valorizzare o rovinare la tua strategia Instagram. Impara ad usarli e i tuoi post verranno visti da tutti!

Christina Newberry Giugno 22, 2022
cover image

​​Gli hashtag di Instagram possono creare o distruggere la tua strategia di marketing su Instagram. Usali correttamente e farai in modo che i tuoi post siano visti da più persone che potrebbero essere interessate ai tuoi prodotti o al tuo marchio.

Se usi quelli sbagliati o se non li usi nel modo giusto puoi fare dei danni: dall’infastidire potenziali follower all’essere penalizzato dall’algoritmo di Instagram.

Per utilizzare gli hashtag per Instagram in modo efficace, devi capire esattamente come funzionano e organizzarli strategicamente.

Questo è il posto giusto per imparare. Il video che segue, in lingua inglese, ti spiega tutto. Ma puoi continuare a leggere per saperne di più!

Cosa sono esattamente gli hashtag di Instagram?

Un hashtag è una combinazione di lettere, numeri e/o emoji preceduti dal simbolo del cancelletto # (per esempio #nofilter). Vengono utilizzati per classificare i contenuti e fare in modo che gli stessi contenuti vengano trovati più facilmente.

Gli hashtag, infatti, sono cliccabili. Chiunque faccia clic su un hashtag di Instagram o esegua una ricerca di hashtag su Instagram vedrà una pagina che mostra tutti i post contrassegnati con quell’hashtag.

Perché bisogna usare gli hashtag su Instagram?

Gli hashtag sono importanti per espandere il tuo pubblico su Instagram e ottenere maggiore copertura per i tuoi post o le tue storie.

Quando usi un hashtag, il tuo post apparirà sulla pagina di quell’hashtag. Se usi un hashtag sulla tua storia, potrebbe essere incluso nell’hashtag relativo alle storie, che appare anche nella pagina dell’hashtag.

Le persone possono anche scegliere di seguire gli hashtag. Questo significa che potrebbero vedere il tuo post con hashtag nel loro feed, anche se ancora non ti seguono.

Gli hashtag di Instagram possono essere un ottimo modo per costruire una community online. In questo modo le persone sono motivate a interagire proprie il tuo marchio. Ad esempio, dato che a causa della pandemia le persone hanno cambiato le loro abitudini in tema di allenamento, Nike Los Angeles ha utilizzato l’hashtag #playinside a corredo delle immagini di chi si allenava in casa.

In Italia, dopo ogni consultazione elettorale, su tutti i social network si commenta la trasmissione televisiva relativa ai risultati, condotta dal giornalista e direttore del Tg La 7 Enrico Mentana, intitolata Maratona, con l’hashtag #maratonamentana.

Un gruppo di appassionati telespettatori si è unito in una commnunity che ha un proprio profilo Instagram, Maratoneti di Mentana.

View this profile on Instagram

maratonetidimentana (@maratonetidimentana) • Instagram photos and videos

I migliori hashtag di Instagram

L’inglese è una lingua universale e i 50 hashtag di Instagram più utilizzati, finalizzati ad aumentare le interazioni sul proprio profilo, oltre che a far aumentare il numero di follower, sono tutti in inglese. Anche per gli account italiani. E se in passato era consigliabile usarne fino a 30 per avere maggiore visibilità, oggi l’algoritmo della piattaforma è cambiato. Pertanto è preferibile utilizzarne al massimo una decina, ma scelti tra quelli più adatti alla foto pubblicata. Sconsigliato, inoltre, aggiungere sempre gli stessi a immagini diverse, anche se si tratta dei più diffusi.

A giugno 2022 questi sono i 30 hashtag più popolari di Instagram:

  1. #love usato oltre 2,152,561,076 volte
  2. #instagood usato oltre 526,259,424 volte
  3. #fashion usato oltre 1,055,366,565 volte
  4. #photooftheday usato oltre 996,516,091 volte
  5. #art usato oltre 901,937,599 volte
  6. #beautiful usato oltre 800,641,496 volte
  7. #nature usato oltre706,23,819 volte
  8. #happy usato oltre 673,504,696 volte
  9. #cute usato oltre 662,219,791 volte
  10. #followme usato oltre 596,568,541 volte
  11. #tbt usato oltre 590,377,623 volte
  12. #instadaily usato oltre 586,191,198 volte
  13. #repost usato oltre 560,744,293 volte
  14. #like4like usato oltre 542,060,519 volte
  15. #summer usato oltre 524,481,051 volte
  16. #food usato oltre 479,681,175 volte
  17. #selfie usato oltre 465,968,442
  18. #me usato oltre 465,554,321 volte
  19. #instalike usato oltre 465,354,489 volte
  20. #girl usato oltre 445,472,881 volte
  21. #friends usato oltre 433,417,183 volte
  22. #fun usato oltre 432,551,619 volte
  23. #smile usato oltre 428,944,231 volte
  24. #family usato oltre 413,045,184 volte
  25. #life usato oltre 410,803,131 volte
  26. #likeforlike usato oltre 360,902,711 volte
  27. #igers usato oltre 295,186,165 volte
  28. #instamood usato oltre 270,730,313 volte
  29. #instafollow usato oltre 122,858,345 volte
  30. #likeme usato oltre 43,492,810 volte

Ricorda che gli hashtag di Instagram più popolari non sono necessariamente i più efficaci.

Un gran numero di post può significare che molte persone seguono quell’hashtag, ma al tempo stesso significa anche che ci sono un sacco di contenuti relativi a quell’argomento Così,i tuoi post potrebbero non essere visti.

Instagram suggerisce di usare una combinazione di hashtag popolari e hashtag di nicchia, meno utilizzati, per raggiungere un pubblico diverso, da quello più ampio a quello specifico.

Il sito Hasthagpiker trova gli account più popolari del giorno.

Tipi di hashtag popolari

Instagram suddivide gli hashtag in nove categorie distinte:

    • Hashtag relativi a prodotti o servizi: queste sono parole chiave di base per descrivere il tuo prodotto o servizio, come #borsa o #pizza
    • Hashtag di nicchia: sono un po’ più specifici e sono legati al contesto del tuo settore, come #travelblogger o #foodblogger
    • Hashtag delle community di settore di Instagram: sono hashtag che ti aiutano a trovare le community su Instagram. Seguendoli e utilizzandoli a corredo delle tue foto, a tema, puoi iniziare a farne parte. Di norma sono più diffuse all’estero che in Italia. Un esempio? #catloversofinstagram
    • Hashtag stagionali o legati ad eventi speciali: possono riferirsi a festività o stagioni, come #summerdays, oppure possono essere utilizzati per tutte quelle le giornate nazionali e più spesso internazionali dedicate ad un particolare tema, come #womanday o, in italiano, #festadelladonna
    • Hashtag di posizione: anche se tagghi geograficamente il tuo post su Instagram, può comunque essere una buona idea includere un hashtag che si riferisca alla tua posizione, come #vancouver o #london o, ancora, #piazzanavona
    • Hashtag giornalieri: ogni giorno ha i suoi hashtag di riferimento, da #MondayBlues fino a #SundayFunday. Abbiamo creato un intero elenco di hashtag giornalieri tra cui scegliere se ne stai cercando uno da aggiungere ai tuoi post. Ovviamente in inglese, per raggiungere più pubblico.
    • Hashtag di frasi rilevanti: questi hashtag combinano elementi di hashtag di prodotto, hashtag di nicchia e hashtag della community. Fondamentalmente, sono frasi che le persone usano su Instagram per connettersi alle comunità esistenti in un modo leggermente privilegiato
    • Hashtag con acronimo: forse l’hashtag più noto è #TBT per “Throwback Thursday”. Un altro hashtag con acronimo popolare è #OOTD che sta per “outfit of the day”.
    • Hashtag Emoji: questi hashtag possono includere emoji da soli, come #😉, o parole o frasi con emoji allegati, come #amore❤️

    Gli hashtag del proprio brand sono un’altra grande opportunità per le aziende su Instagram. Entreremo in maggiori dettagli su quelli più avanti in questo post.

    Quanti hashtag usare su Instagram

    Come già anticipato, puoi aggiungere 30 hashtag sotto ogni post e fino a dieci in una storia. Se provi ad aggiungerne di più, la tua didascalia non verrà pubblicata.

    Detto questo, solo perché puoi usare così tanti hashtag per Instagram non significa che dovresti farlo o che dovresti farlo sempre. Non esiste un numero corretto di hashtag per ogni azienda, o anche per ogni post della stessa azienda.

    Secondo varie ricerche il numero corretto di hashtag da utilizzare è pari a 11 hashtag. Più comunemente ogni post su Instagram è accompagnato da un numero variabile di hashtag compreso tra 1 e 3.

    Avrai bisogno di fare alcuni test per capire cosa funziona meglio per la tua particolare attività.

    Come nascondere gli hashtag su Instagram

    Se hai impiegato molto tempo per creare una didascalia particolare per accompagnare un post, magari non aggiungere una raccolta di hashtag di Instagram che la oscuri. Fortunatamente, ci sono un paio di semplici modi per rendere meno visibili i tuoi hashtag.

    Come nascondere gli hashtag di Instagram in un commento

      1. Scrivi la didascalia come al solito ma non aggiungere hashtag.
      2. Una volta pubblicato il tuo post, fai semplicemente clic sull’icona del fumetto sotto il tuo post per lasciare un commento.
      3. Scrivi o incolla gli hashtag che vuoi aggiungere ìnella casella dei commenti e tocca Pubblica.
      4. Sui dispositivi mobili, i tuoi hashtag non saranno visibili a meno che un utente non tocchi Visualizza tutti i commenti. Al contrario sul desktop il commento rimarrà nella prima posizione, quindi questo trucco funziona meglio se ti rivolgi a un pubblico che utilizza l’app mobile.
      Screenshot che mostra come nascondere gli hashtag nel primo commento al post
      Fonte: VW su Instagram

      Come nascondere gli hashtag di Instagram nella didascalia:

      Puoi anche utilizzare gli hashtag all’interno della didascalia stessa senza che siano troppo visibili.

      1. Dopo aver scritto la didascalia, tocca Invio in basso a destra. Se non lo vedi un tocca 123 per visualizzarlo.
      2. Inserisci un segno di punteggiatura (prova con un punto o un trattino), quindi premi di nuovo Invio.
      3. Ripeti i passaggi 1 e 2 almeno tre volte.

      Instagram nasconde le didascalie dopo tre righe, quindi i tuoi hashtag non saranno visibili a meno che i tuoi follower non tocchino … altro. Anche in questo caso, i tuoi hashtag saranno visivamente separati dalla didascalia.

      Come nascondere gli hashtag nelle storie di Instagram

      Puoi nascondere gli hashtag anche nelle storie di Instagram. Un’opzione è semplicemente quella di ridurre al minimo l’aspetto dei tuoi hashtag pizzicandoli e rendendoli più piccoli possibile. Puoi anche toccare l’adesivo dell’hashtag per cambiarlo da uno sfondo bianco a uno semitrasparente.

      Se vuoi nascondere completamente i tuoi hashtag, puoi incollarci sopra un’emoji, un adesivo o una GIF sopra per oscurarli.

      Screenshot che mostrano come nascondere gli hashtag nelle storie di Instagram

      Come trovare hashtag di tendenza su Instagram

      A differenza di Twitter, Instagram non pubblica l’elenco di hashtag di tendenza. Tuttavia, se cerchi un hashtag su Instagram, vedrai quanti post utilizzano quell’hashtag. Vedrai anche un elenco di altri popolari hashtag di Instagram che usano parole simili, con il conteggio dei post incluso.

    1. Screenshot che mostra come trovare gli hashtag di tendenza su Instagram
      Fonte: Instagram

      Per cercare un hashtag sul desktop, inserisci l’hashtag incluso il simbolo # nella casella di ricerca. Puoi fare lo stesso su dispositivo mobile, oppure puoi inserire solo il termine di ricerca nella casella di ricerca, quindi tocca Tag.

      Se presti attenzione al tuo feed di Instagram, imparerai a individuare rapidamente gli hashtag di tendenza man mano che emergono. Pubblica post utilizzando un hashtag di tendenza solo se ha davvero senso per la tua attività e per il contenuto specifico del tuo post.

      Come cercare più hashtag su Instagram

      Il modo più semplice per cercare più hashtag su Instagram è impostare flussi di ricerca in uno strumento come Hootsuite per tenere traccia degli hashtag che ti interessano in modo da poter vedere tutti i contenuti rilevanti su un’unica schermata senza dover fare più ricerche per ogni singolo hashtag.

      Screenshot che mostra come cercare hashatag multipli di Instagram in Hootsuite
      Fonte: Hootsuite

      I profili business di Instagram possono condurre fino a 30 ricerche di hashtag univoche in un periodo di sette giorni.

      Ecco a seguire in un video in lingua inglese alcune informazioni in più su come impostare i flussi di ricerca, per tenere traccia di più hashtag di Instagram facilmente su un’unica dashboard.

      Sempre in lingua inglese è disponibile un post che illustra i vantaggi dell’ascolto sociale ovvero il processo che consiste nel tenersi aggiornati su quanto viene detto su Interrnet a proposito di un brand, in particolare sui social media e nelle comunità online, utile per approfondire come funziona.

      Ricerca di hashtag su Instagram: come trovare i migliori per il TUO brand

      Ecco la verità. Puoi caricare la tua foto su uno dei tanti generatori di hashtag di Instagram disponibili e ottenere un sacco di suggerimenti gratuiti per gli hashtag. Ma questi suggerimenti non saranno mai strategici ed efficaci come fare la ricerca da soli.

      Ecco alcuni suggerimenti da provare per trovare hashtag di Instagram che aumenteranno effettivamente la copertura dei tuoi post e il coinvolgimento del pubblico

      Scopri la concorrenza

      Non vuoi necessariamente modellare la tua strategia sulla base di quella della tua concorrenza ma dare un’occhiata agli hashtag che usano può darti alcuni buoni indizi su cosa sta funzionando per gli altri nel tuo settore.

      Forse scoprirai nuovi hashtag da aggiungere al tuo repertorio. Oppure potresti decidere che non vuoi competere con gli stessi argomenti. In quel caso puoi cercare hashtag alternativi da usare.

      Guarda quali hashtag usa già il tuo pubblico e scopri quelli di nicchia

      Dopotutto, se il tuo pubblico sta già utilizzando un determinato hashtag, è probabile che anche altre persone lo stiano utilizzando. Trovare delle comunità Instagram esistenti è un ottimo modo per allargare il tuo pubblico e raggiungere le persone che hanno maggiori probabilità di essere interessate alla tua attività.

      Tieni d’occhio i tuoi follower principali e guarda quali hashtag stanno usando. Lo strumento di ricerca di Instagram può darti alcune informazioni aggiuntive su quali hashtag interessano alle persone che segui. Quando conduci una ricerca di hashtag su Instagram, cliccando sulla pagina del relativo hashtag vedrai ti mostrerà se qualcuno che segui segue anche quell’hashtag. (Funziona solo su dispositivi mobili, non su desktop.)

    2. Questo è un ottimo modo per trovare hashtag pertinenti che potrebbero essere un po’ più di nicchia rispetto agli hashtag basati sulle parole chiave che hai originariamente cercato. Questo significa rivolgersi ad un pubblico più mirato, con meno contenuti con cui competere.
      Screenshot che mostra come trovare gli hashtag di tendenza su Instagram
      Fonte: Instagram
      Screenshot che mostrano come trovare hashtag seguiti dai tuoi follower su Instagram
      Fonte: Instagram

      Screenshot che mostrano come trovare hashtag su Instagram seguiti dai tuoi follower
      Fonte: Instagram

    3. Crea il tuo hashtag brandizzato

      Il miglior hashtag per il tuo marchio potrebbe essere quello che crei tu stesso. Un hashtag “branded” è semplicemente un tag che crei per promuovere il tuo marchio o una campagna.

      Puoi quindi far conoscere al tuo pubblico il tuo hashtag aggiungengolo alla biografia di Instagram ed evidenziandolo nelle didascalie e nelle storie di Instagram. Potresti anche prendere in considerazione l’idea di organizzare un contest con un hashtag “branded” per rendere popolare l’hashtag raccogliendo anche contenuti generati dagli utenti.

      L’hashtag “branded” di Adidas Italia, #ImpossibleIsNothing
      Fonte: Adidas Italia su Instagram

      Ricordati poi di seguire il tuo hashtag con il tuo marchio, sia all’interno dell’app di Instagram che utilizzando uno stream nella dashboard dei tuoi social media. Così potrai monitorare come viene utilizzato. Cerca opportunità per ricondividere contenuti o entrare in contatto con follower rilevanti del tuo pubblico.

      Per seguire un hashtag all’interno di Instagram, toccalo semplicemente, quindi tocca il pulsante blu Segui sulla pagina dell’hashtag.

      Il tasto da cliccare per seguire un hashtag su Instagram
      Fonte: Instagram

      Come usare gli hashtag di Instagram— suggerimenti e trucchi

      Evita gli hashtag bannati e gli hashtag di spam

      Quando un contenuto inappropriato viene associato a un hashtag, Instagram potrebbe vietare quell’hashtag.

      Questo non significa che non puoi usarlo ma significa che se fai clic sul tag, vedrai solo i primi post. Non vedrai i post recenti e non ci saranno storie associate all’hashtag.

      Ecco come appare quando ti imbatti in un hashtag vietato:

      "#onlyfans" Instagram hashtag bannato
      Source: Instagram

      L’unico modo per sapere se un hashtag è bannato è controllarlo prima di usarlo. Questa è una buona pratica da mettere in atto ogni volta che aggiungi un nuovo hashtag ai tuoi post o alle tue storie. L’uso di hashtag bannati può causare un calo del coinvolgimento: in questo modo gli hashtag “puliti” diventano meno efficaci. Usando hashtag bannati, infatti, potresti essere escluso dall’algoritmo.

      Anche se non sono vietati, dovresti evitare gli hashtag che sollecitano spudoratamente like e follower. Gli esempi includono #followme, #like4like, #follow4follow, #tagsforlikes e così via.

      Il loro utilizzo, infatti, attirerà bot, spammer e altri utenti di Instagram che non hanno intenzione di interagire con te in modo significativo. Mostrano inoltre ai tuoi follower che il tuo marchio non si dissocia spam. E non è un aspetto positivo.

      Comprendi come funzionano le pagine di hashtag

      Le pagine di hashtag sono un ottimo modo per esporre i tuoi contenuti a un nuovo pubblico, soprattutto se puoi essere inserito nella sezione Top.

      Le pagine hashtag mostrano infatti tutto il contenuto associato a un hashtag specifico. Se qualcuno cerca un post e il tuo è il più recente con quell’hashtag, sarà tra i primi che vedrà nella sezione Recenti.

      Ovviamente, è molto più facile rimanere in cima alla sezione Recenti per un hashtag meno popolare o di nicchia.

      Tieni presente che la sezione Recenti è ordinata in base a quando ogni post è stato originariamente condiviso. Se aggiungi hashtag in un secondo momento, tramite un commento o modificando la didascalia, questo non farà sì che il tuo post appaia tra i Recenti.

      Non utilizzare hashtag irrilevanti o ripetitivi

      Potrebbe essere comodo copiare e incollare lo stesso lungo elenco di hashtag sotto ogni post, ma non farlo. Secondo le linee guida della community di Instagram “pubblicare commenti o contenuti ripetitivi” non va bene. Se usi gli stessi hashtag per ogni post, i tuoi contenuti saranno penalizzati dall’algoritmo.

      Quando crei un post, dunque, usa solo hashtag sensati. Se tagghi un post con #foodpassion, ad esempio, il tuo contenuto deve essere qualcosa che gli appassionati di cibo vorranno commentare, apprezzare con un like e condividere.

      Non si tratta di farsi vedere da molte persone, si tratta di farsi vedere dalle persone giuste. È così che gli hashtag portano a un maggiore coinvolgimento e a più follower. Scegli dunque le parole chiave giuste per ogni singolo post.

      Assicurati che l’hashtag significhi ciò che pensi debba significare

      Gli hashtag sono spesso una serie di parole incollate insieme. Questo può creare alcuni problemi quando non è chiaro dove finisce una parola e inizia la successiva.

      Amazon ha fatto leva su questo tipo d’errore per promuovere Top Gear, uno show sui motori in onda su Prime. Ricordate quindi, se pubblicherete in inglese, che quando la lettera “s” del possessivo (in questo caso messa alla fine della parola Amazon), si unisce alla parola “hit” (successo), si fa una grande figura di… shit (cacca!)

      Inoltre, i marchi a volte sono troppo desiderosi di saltare su un hashtag di tendenza senza comprenderne appieno il contesto. Quando il contesto è difficile, questo può creare un disastro per chi gestisce le pubbliche relazioni o l’ufficio stampa del marchio.

      E a volte, un marchio semplicemente non controlla se un hashtag è già in uso prima di creare un’intera campagna. Burger King nel 2013 usò l’hashtag #WTFF per significare “What The French Fry”.

      Più o meno tutti sappiamo che vuol dire WTF in inglese (se non lo sapete cliccate qui), non dobbiamo allora stare a spiegare perché quell’hashtag è stato un problema per Burger King!

      Salva gli hashtag per l’uso ripetuto

      Se usi spesso gli stessi hashtag, puoi salvarli in una nota per spendere meno tempo a digitarli più volte. Aspetta, non ti abbiamo semplicemente detto di non usare gli stessi hashtag su ogni post? È vero, non dovresti abusare dello stesso set di hashtag. Detto questo, è comunque molto utile avere un elenco di hashtag rilevanti per i vari tipi di contenuti che pubblichi. Potresti anche creare elenchi separati di hashtag rilevanti per i diversi tipi di post che crei.

      Basta creare un elenco di hashtag nell’app delle note, pronto per essere aggiunto ai tuoi post.

      Puoi quindi scegliere alcuni hashtag da utilizzare ogni volta, invece di dover ricordare gli hashtag o cercarne di nuovi per ogni post. Questo ti dà anche il tempo di controllare che tipo di contenuto è già stato pubblicato per questi hashtag, quindi non commetti uno degli errori sopra menzionati.

      Ricorda solo che tutti gli hashtag di Instagram che usi su un post devono adattarsi al contenuto e non dovrebbero essere troppo ripetitivi. Non copiare e incollare l’intero elenco salvato su ogni post.

      Gestisci la tua attività su Instagram e risparmia tempo con Hootsuite.
      Pianifica post e storie, trova i migliori hashtag, coinvolgi facilmente il pubblico, misura le tue prestazioni e altro ancora. Provalo gratis oggi.

      Inizia

      Traduzione di Tiziana Cialdea

Become a better social marketer.

Get expert social media advice delivered straight to your inbox.

By Christina Newberry

Christina Newberry is an award-winning writer and editor whose greatest passions include food, travel, urban gardening, and the Oxford comma—not necessarily in that order.

Related Articles