i trend dei social media del 2019

I trend dei social media del 2019

Quali sono i principali trend dei social media del 2019? Nuovi format, nuove sfide e nuovi modi per connettersi: questo sarà un anno vivace dal punto di vista dei social. 

La risposta dettagliata è nel report annuale di Hootsuite, dal quale abbiamo estratto i punti salienti, riassunti in questo articolo.

Ecco, in sintesi, quali sono i temi caldi del 2019:

  1. Ricostruire fiducia: in calo la fiducia verso i social media, i brand devono diventare più “umani”
  2. Social e Storie: i Content Team devono ripensare i contenuti ispirandosi al formato Storie
  3. Ottimizzare strategia e tattiche per gli ads: una maggiore concorrenza sui paid social impone ai marketer di ottimizzare la strategia per gli ads
  4. Gli acquisti decollano: migliori feature di social shopping incrementano (finalmente) le vendite
  5. La messaggistica continua la sua ascesa: i clienti esigono una migliore esperienza 1:1 sui social

I 5 principali trend dei social media del 2019

Trend 1: Ricostruire fiducia

Il 2018 ha rappresentato l’anno della crisi per quanto riguarda la fiducia nei confronti dei social media.

All’alba dello scandalo Cambridge Analytica e a seguito delle consultazioni del Congresso degli Stati Uniti, utenti e autorità politiche hanno sottoposto Facebook ad un’enorme pressione per avere più sicurezza, trasparenza e accuratezza nel trattamento dei dati. Al contempo, Twitter ha dovuto fare i conti con le contestazioni riguardanti la proliferazione incontrollata di bot sulla sua piattaforma, che lo hanno portato a dover chiudere milioni di account fake.

Negli ultimi mesi, consumatori, legislatori e osservatori dei media si sono interrogati su privacy, accuratezza ed etica di quasi ogni piattaforma social. 

Per i brand che operano sui social, questo cambiamento presenta ovviamente nuove sfide, ma anche alcune opportunità. Gli utenti si fidano sempre meno di molti influencer famosi (che, come ormai sappiamo, hanno in alcuni casi follower comprati o semplicemente fake, e comunque vengono compensati economicamente per i loro #ads).

Usando un’immagine un po’ d’effetto, potremmo dire che con un movimento oscillatorio il pendolo della fiducia è tornato indietro: agli amici più stretti, alla famiglia e ai conoscenti.

trend dei social media nel 2019
Fonte: Edelman 2018 Trust Barometer Special Report: Brands and Social Media

Le aziende più smart si stanno concentrando di meno sulla massimizzazione della reach, e di più sulla creazione di un engagement trasparente e di qualità. Brand quali Adidas e The New York Times, ad esempio, stanno lavorando allo sviluppo di un dialogo più intimo e profondo con gruppi di audience più piccoli e di maggior valore. Stanno creando community e condividendo contenuti interessanti, supportati da ricerche, per poi fare un passo indietro, lasciando agli utenti più appassionati lo spazio per parlarsi.  

I consigli di Hootsuite su questo trend

Trend 2: Social e Storie

I Content Team cercano di adattarsi ai nuovi formati suggeriti dal formato Storie per la creazione e condivisione di contenuti. Secondo i consulenti di Block Party, le Storie stanno crescendo a un ritmo 15 volte superiore rispetto alle condivisioni sul feed.

Chris Cox, Chief Product Officer di Facebook, ha pubblicato questo grafico che mostra come le Storie supereranno i feed per diventare il principale metodo di condivisione tra amici entro il prossimo anno. Intanto, quasi un miliardo di utenti WhatsApp, Instagram, Facebook e Snapchat stanno già condividendo sempre più contenuti nelle Storie.

i trend dei social media nel 2019
Fonte: TechCrunch, “Facebook Stories reveals 150M daily users and here come ads”

I social stanno cambiando faccia, passando dalle piattaforme di testo create originariamente per l’utilizzo da desktop (pensiamo al Facebook degli esordi) a network interamente pensati per l’utilizzo da mobile, che consentono all’utente di catturare esperienze live e condividerle in istantanea. Ebbene, le Storie incarnano proprio questo punto di svolta.

Prepotentemente visive, le Storie nascono per un uso e consumo estemporaneo e sono realizzabili con uno smartphone e una buona dose di creatività. Dato il loro carattere effimero (scompaiono dopo un giorno), lasciano ampio spazio a divertimento e sperimentazione. L’utente percepisce le percepisce come vere, immediate e intensamente personali.

Per i brand, tutto questo significa dover rivedere il focus per il 2019.

I post ad alto valore produttivo rimangono importanti, ma è fondamentale saper bilanciare i contenuti nei diversi stili. I brand sembrano sempre più inclini ad abbracciare il carattere intimo e multimediale delle Storie. The Guardian e Tictail, per esempio, stanno constatando che le Storie, più immediate e realistiche, producono risultati migliori rispetto agli articoli stilisticamente perfetti e carichi di call to action.

I consigli di Hootsuite su questo trend

  • Se il tuo brand non si è ancora lanciato nell’impresa, non puoi più rimandare: inizia subito a sperimentare con le Storie, creando contenuti specifici per questo format
  • Usa la feature Storie in evidenza
  • Sfrutta tutte le risorse creative del tuo team: è abbastanza ambizioso aspettarsi che chi si occupa specificamente di social abbia tutta una serie di competenze che ti servono in questo caso, e che sono invece coperte da diversi ruoli (design, video editing, copywriting etc.)
  • Aggiungi UTM ai tuoi link per monitorarne il successo.
  • Storie su Facebook: non sono decollate come quelle su Instagram, ma proprio per questo potresti riuscire a raggiungere una nicchia ancora inesplorata
  • Sperimenta AR e GIF personalizzati nelle tue Storie

Trend 3: Ottimizzare strategia e tattiche per gli ads

Una maggiore concorrenza sui paid social impone ai marketer di alzare la posta in gioco e non sottovalutare più la pubblicità sui social come se si trattasse di un optional da sperimentare. Come ti sarai accorto, siamo ufficialmente entrati nell’era dei social pay-to-play.

Di conseguenza, i marketer stanno aumentando il budget per i social ads (+32% nel solo 2018) e si stanno producendo più annunci che mai prima d’ora. Una Pagina Facebook su quattro utilizza i media a pagamento e Facebook possiede già il 23% della spesa totale in ad digitali negli USA. Ma l’innalzamento dei costi e il calo di attenzione stanno limitando il ROI per gli advertiser.

Per ovviare a questo problema, i team dedicati di paid social stanno abbinando la spesa in ads ad un investimento equivalente in tempo, creatività e capacità di targeting. E pagano per promuovere i contenuti organici più performanti.

Spotify e Netflix sono all’avanguardia in questo, proponendo agli utenti Social Ads creativi, al contempo personalizzati e piacevoli, invece di semplici banner pubblicitari compressi all’interno di news feed. L’obiettivo finale è generare engagement e discussioni tra gli utenti, non bombardare l’audience di pubblicità.

Sempre più spesso assistiamo al potenziamento di social team di brand particolari (sia al loro interno che in agenzie) con creatori di contenuti cross-platform, specializzati in video, motion graphics, design, ecc. Anche utilizzare gli ad targeting tool, che consentono un facile A/B testing (in alcuni casi con centinaia di varianti), sta diventando la norma.

i trend dei social media nel 2019
Fonte: 2018 Q3 Global Digital Statshot

I consigli di Hootsuite su questo trend

Trend 4: gli acquisti decollano

Il miglioramento delle tecnologie di social shopping incrementa (finalmente) le vendite.

In Asia, il commercio sui social è stato adottato velocemente: il 70% della Generazione Zero cinese oggi opta, infatti, per l’acquisto diretto dai social. Il social commerce non è ancora riuscito a sfondare invece in America del Nord, nonostante l’ampia promozione riservata alla modalità di fare acquisti con un clic.

Tuttavia, tecnologie nuove e in continua evoluzione stanno cambiando lo scenario, puntando specialmente ai più giovani.

I post shoppable di Instagram ora consentono agli utenti di passare dalla scoperta di prodotti al pagamento senza mai uscire dall’app. E la piattaforma ha persino aggiunto una scheda Shopping al tab Esplora.

Facebook Marketplace è utilizzato oggi da 70 Paesi e oltre 800 milioni di persone. E su Pinterest, il 55% della clientela utilizza il sito per trovare e acquistare prodotti.

Il formato video, in particolare, si sta delineando come fattore chiave per il social commerce. In uno studio condotto dall’azienda di video marketing BrightCove su 5.500 consumatori, il 74% degli utenti ha stabilito una connessione tra la visualizzazione di video sui social e l’acquisto di prodotti.

E, oltre a YouTube, esistono nuovi formati (dai plugin d’acquisto in-streaming di Instagram allo shopping livestream su WeChat) per integrare nel percorso d’acquisto i video sui social.  

E allora, da dove puoi iniziare per incorporare il social commerce nella tua strategia di marketing? È importante ricordare che ciò che distingue il social commerce dagli altri canali è, per l’appunto, l’aspetto sociale. In questo senso, diventa fondamentale rendere lo shopping vivace, interattivo e snello, anche sui dispositivi mobili.

I consigli di Hootsuite su questo trend

  • Imposta i post shoppable di Instagram (occorre avere un profilo business approvato), taggando più articoli nella stessa foto in modo che chi guarda possa vedere l’effetto complessivo dei tuoi prodotti
  • Condividi i tuoi prodotti “in azione”: mostra i tuoi articoli nei vari contesti, in modo da creare varietà e mantenere alto l’interesse del pubblico
  • Promuovi i tuoi prodotti con i contest: assicurati che il tuo concorso aderisca alle linee guida di Instagram.
  • Sfrutta user-generated content di alta qualità
  • Crea una serie basata sui tuoi contenuti più performanti: dopo aver condotto i dovuti test sui video dei prodotti per stabilire cosa funziona e cosa va evitato, crea video di follow-up e riconfezionali come serie
  • Trasmetti le tue demo di prodotto in live streaming
  • Utilizza la realtà aumentata per mostrare i tuoi prodotti in contesti di vita reale

Trend 5: La messaggistica continua la sua ascesa

I clienti iniziano ad esigere una migliore esperienza 1:1 sui social.

Tutte insieme, le principali app di messaggistica (WhatsApp, Facebook Messenger, WeChat, QQ e Skype) annoverano quasi 5 miliardi di utenti attivi su base mensile: più di quanti i social network tradizionali possiedano in tutto il mondo.

i trend dei social media nel 2019
Fonte: 2018 Q3 Global Digital Statshot

Generalmente, gli utenti dedicano più tempo ai messaggi e meno alla condivisione di news sui social. Questo spostamento dallo spazio pubblico al privato sta cambiando le aspettative del consumatore.

Secondo una survey condotta su 6.000 persone in tutto il mondo, nove consumatori su dieci vorrebbero usare i messaggi per le proprie comunicazioni commerciali. Negli Stati Uniti, i messaggi sono il canale prediletto dei Customer Service. Da una survey condotta nel 2018 da Facebook su un campione di 8.000 persone è emerso che, secondo il 69% degli intervistati, mandare un messaggio diretto ad un’azienda aumenta la fiducia del consumatore nel brand.

Ciò che emerge chiaramente, tuttavia, è che i consumatori non vogliono altri canali pubblicitari. I brand più smart stanno utilizzando le app di messaggistica per creare conversazioni ad alto valore aggiunto.

E allora, come fare per stare al passo con le nuove tendenze in fatto di messaggistica?

I consigli di Hootsuite su questo trend

  • Abilita Facebook Messenger per la tua Pagina Aziendale Facebook: questa guida ti mostra come abilitare Facebook Messenger sulla tua Pagina aziendale.
  • Aggiungi plugin al tuo sito web per indirizzare i clienti alle app di messaggistica
  • Usa DM e/o app di messaggistica per snellire le query del Customer Service sui social: quando i clienti si rivolgono al tuo brand sui social, è importante spostare la conversazione da uno spazio pubblico a uno privato.
  • Imposta bot e/o assistenti nelle app per le FAQ: i bot rappresentano una maniera importante per scalare il tuo customer service e creare esperienze migliori sui social. Pur non potendo sostituire un’esperienza umana, sono estremamente efficaci nel rispondere a domande semplici e nel risolvere le transazioni
  • Crea campagne che includano le app di messaggistica
  • Sperimenta gli ads su Messenger

Sei pronto per mettere in pratica questi consigli? Scarica il toolkit sui trend dei social media del 2019 per avere maggiori insight sul futuro dei social e ispirarti ai brand migliori che stanno già cogliendo queste opportunità! 

Scarica il toolkit

Il report Hootsuite sui trend dei social media del 2019 si basa sui dati della survey condotta a fine 2018 grazie al contributo di oltre 3000 dei nostri clienti, dalle grandi imprese alle piccole agenzie. Abbiamo inoltre incluso approfondimenti tratti da interviste con decine di analisti del settore, nonché report e dati forniti da Edelman, Gartner, GlobalWebIndex, Forrester, Econsultancy, Kleiner Perkins, We Are Social e molti altri.