Lavorare in un settore che prende forma più velocemente di un Power Ranger può essere faticoso – il panorama dei social media è in costante cambiamento. Se vi domandate cosa funziona e cosa no, e come infilare nuovi social media trend nella vostra strategia, state tranquilli che non siete i soli.

Ma non preoccupatevi, abbiamo noi le risposte!

Abbiamo osservato 9 trend chiave analizzati nell’Hootsuite’s global Trends 2023 report, assieme alle statistiche della nostra indagine su più di 10,000 marketer per farvi l’elenco degli 11 social media marketing trend che domineranno il settore nel 2023 — e che potrebbero anche cambiare il vostro metodo di lavoro.

In regalo per te: Scarica il modello gratuito per pianificare la tua Social Media Strategy rapidamente e facilmente. Puoi usare il template anche per tenere traccia dei tuoi risultati e illustrare la tua strategia al capo, ai colleghi o ai clienti.

 

Gli 11 più importanti social media trends del 2023

1 . TikTok conquisterà il mondo

Nel nostro social media trends 2022 abbiamo predetto che TikTok sarebbe diventato il più importante social network per il marketing e non avevamo torto.

Ma quest’anno, facciamo un enorme passo avanti nella nostra previsione.

Una gran quantità di nuove feature nel 2022 ci fanno pensare che TikTok non solo vuole essere il social network numero uno per i marketer. Vuole anche essere il social network numero uno, punto.

TikTok, rinomato per l’innovazione (dopo tutto il suo format fresh video è stato di ispirazione per i Reels di Meta e YouTube Shorts), ha rilasciato almeno 7 feature quest’anno direttamente ispirate da altri canali social media:

Queste nuove feature, assieme ad una partnership con Linktree, Shopify e Woocommerce, e voci su una app per podcast, fanno pensare che TikTok sta cercando di diventare una “super app.”

Una super-app è una app all-in-one che include social media, messaging, servizi, pagamenti, e fondamentalmente qualsiasi cosa che faresti normalmente su internet.

TikTok si sta anche muovendo sul mondo non-digitale. Stanno girando voci che la società cinese sta costruendo fulfillment center a Seattle e Los Angeles per cercare di superare Amazon nel businness ecommerce.

Tutte queste scommesse avranno successo? Tutti i segnali puntano verso un si.

Mentre la user base di TikTok continua a crescere (1,023 miliardi di user attivi e che conta come Q3 2022), è anche la app n°1 in termini di tempo trascorso e sentimento complessivo positivo.

  • Gli user passano 95 minuti al giorno su TikTok (#1)
  • Gli users passano 23.6 ore al mese su TikTok (#1)
  • 78.6% degli utenti internet usano TikTok per cercare contenuti divertenti o di intrattenimento (#1)

I social network più usati al mondo

Inoltre, secondo Google Trends, l’interesse per TikTok Ads (che è un buon indicatore di interesse business della piattaforma) è aumentato del 1,125% dal 2020.

C’è una buona ragione per tutto questo interesse. I guadagni di TikTok ads crescono così in fretta che sono destinati a raggiungere i guadagni di YouTube’s ad entro il 2024. Benchè Google e Meta sono sempre le società più grosse nel settore del digital ad, non è da poco per le società di social media di proprietà internazionale.

Cosa significa tutto ciò per il business? Allora, se il tuo business non è ancora su TikTok, questa è la tua indicazione per mettercelo, ora.

Lista delle cose da fare

  • Prendi un account handle per il tuo marchio
  • Esplora TikTok in modo da prendere confidenza con la piattaforma e trovare qualche idea
  • Abbozza le basi della tua strategia marketing TikTok
  • Usa un social media management tool come Hootsuite per pianificare con facilità i tuoi TikTok, moderare i commenti, e misurare i tuoi successi sulla piattaforma sa una utile dashboard.
  • Inizia ad esplorare TikTok ads

2. L’unica nuova app che conterà sarà BeReal

BeReal è una app di photo-sharing che richiede agli utenti di postare una foto, non filtrata e non editata al giorno ad un gruppo scelto di amici. Le foto scattate fuori dalla finestra temporale di due minuti indicano quanti minuti sono state postate in ritardo.

Il network è stato lanciato nel 2019, ma la sua popolarità è esplosa nel 2022. Ad ottobre 2022, è la top social networking app su App Store ed è stata installata circa 29.5 milioni di volte.

Downloads mondiali della app BeReal Gen-Set 2022

Google Trends indica anche che la ricerca globale per “What is BeReal” e “BeReal app” è esplosa a metà del 2022.

Gli utenti tendono ad essere di sesso femminile e giovani. La maggior parte ha meno di 25 anni.

Gli utenti della app BeReal iOS in paesi specifici per demografia nel luglio 2022

La app non ha ancora ads o feature per il business, e molti dicono che ciò è parte del suo appeal.

BeReal da la sensazione degli albori dei social media quando gli utenti postavano principalmente foto per mostrare ai loro amici cosa stavano facendo – prima che diventasse lo spazio super curato e importante che è oggi.

Anche la comunicazione ufficiale di BeReal’s sembra un messaggio del tuo miglior amico. Dopo un’interruzione del servizio della app, l’azienda ha semplicemente tweettato “Tutto a posto ora.” Questo esempio è l’esatto opposto delle strategie di comunicazione altamente professionali dei principali social network.

Parlando di interruzioni, la crescita in popolarità sembra aver colto di sorpresa la società. Problemi tecnici e interruzioni sono frequenti (soprattutto quando molti utenti aprono la app per postare foto nello stesso momento) e minacciano di ostacolare la crescita dell’app.

Gli utenti hanno il limite di 500 amici, che significa che la consueta strategia di marketing del tuo brand non funziona qui.

Nonostante ciò, la popolarità di BeReal’s ha attirato l’attenzione di brand come e.l.f. Cosmetics, Chipotle, e Pacsun. TikTok e Instagram hanno prodotto dei cloni della feature dual camera (ma non conosciamo nessuno che la usi ancora).

E’ per questi motivi che facciamo una grossa scommessa sull’importanza di BeReal nel 2023. Anche se la app non passa l’anno, il suo impatto è già fuori discussione.

Questo è ciò che la Gen Z vuole dai social media: contenuti che non sono filtrati e non sono curati, che non ti chiedono di comprare nulla e non ti fanno sentire male rispetto alla tua esistenza. Deve essere puro divertimento. In fin dei conti, è questo che importa.

Lista delle cose da fare

Solo il tempo ci dirà se BeReal ce la farà a monetizzare. Ma per ora, assicurati di tenerlo d’occhio.

  • Fai un profilo e famigliarizza con la piattaforma
  • Esperimenta la feature dual camera su una piattaforma sulla quale c’è già il tuo brand (es. Instagram o TikTok) per vedere se risveglia interesse nel tuo pubblico

3. Dovrai produrre Reels

Instagram HQ è sembrato un po’ caotico nel 2022, con una sequela di update e una marcia indietro ispirata alla Kardashian. Ma, secondo noi, Instagram è ancora la piattaforma principale per i brand.

Perchè?

  • Instagram ha 1.5 miliardi di utenti attivi al giorno (e 2+ miliardi al mese)
  • Reels è cresciuto di 220 milioni di utenti tra luglio e ottobre 2022.
  • Il 62% degli utenti Instagram dicono di usarlo per cercare brand e prodotti (Facebook è al secondo posto con il 55%)
  • E’ la app preferita tra i 16-24enni (si, batte ancora TikTok)
  • La sua piattaforma e gli in-app shops sono in giro da anni, il che significa che non devi scommettere per il ROI

Inoltre, Instagram sta ancora spingendo forte i video. Ad esempio, tutti i video instagram ora sono Reels, e Reels sono fortemente priorizzati nell’algoritmo Instagram. Per i marketers, significa che postare Instagram Reels è il modo migliore per finire di fronte a nuovi occhi sulla piattaforma.

Google Trends mostra che l’interesse nei Reels sta raggiungendo il picco assoluto dopo che Adam Mosseri ha annunciato che tutti i video sarebbero stati Reels (nel luglio 2022).

Per fortuna, con la crescita di TikTok, YouTube Shorts, e Amazon Video Shorts (??!), una volta che hai fatto un video breve, il cross-posting è facile (anche se non ufficialmente incoraggiato). Semplicemente assicurati di togliere tutti i logo e i watermark!

Lista delle cose da fare

4. Clubhouse morirà e i social audio diventeranno ancora più di nicchia

Di tanto in tanto, una nuova social media app arriva assieme ai cambiamenti nel modo in cui consumiamo i contenuti. Snapchat l’ha fatto con i contenuti che scompaiono, quindi TikTok l’ha fatto con i video short-form. Nel 2020, Clubhouse l’ha fatto (o meglio ci ha provato) con i social audio.

Una volta annunciato come “la prossima grande occasione” nei social media, Clubhouse ora compete contro una nuova ondata di piattaforme audio che la imitano. Infatti, quando è stata l’ultima volta che hai sentito parlare di Clubhouse?

Stai ancora rastrellando nel cervello? Anche noi.

Nick Martin, lo specialista di Hootsuite per il Social Engagement (che abbiamo intervistato su Clubhouse appena è uscito) la mette in maniera carina:

“Clubhouse ha mostrato che i social audio erano un mezzo possibile per condividere contenuti e i grossi network hanno detto “grazie mille” e hanno prodotto la loro feature che lo imitava. Twitter Spaces la fa da padrone mentre Clubhouse è ancora in giro, ma non è la prima opzione per il pubblico.”

Secondo Martin, Twitter Spaces ha avuto molto successo tra le aziende perché Twitter è una app che già usano, con una pubblico che hanno già consolidato. A questo punto nella storia dei social media, è una richiesta esagerata costruire da zero una base di follower con un formato media costoso su una nuovissima app — a meno che questa app sia TikTok (vedi il social media trend n° 1).

I downloads per Clubhouse sono rallentati dal suo iniziale successo agli inizi del 2021.

I download quadrimestrali della app Clubhouse Mobile negli USA

Un altro segnale preoccupante? Alcuni executive di Clubhouse stanno lasciando l’azienda.

Ad esempio, Aarthi Ramamurthy, ex Head of International e co-host di “The Good Time Show,” non solo ha lasciato Clubhouse, ha spostato il suo show su YouTube. Non un grande segnale di fiducia.

Il social audio stesso è ancora uno spazio in gran parte sperimentale, senza un chiaro vincitore:

  • Spotify Live (un tempo Greenrooms), ha smesso finanziare il suo fondo per creatori — un tentativo di portar via creatori da Clubhouse — dicendo semplicemente, “Abbiamo intenzione di cambiare direzione verso altre iniziative per i creator”
  • Facebook Live Audio Rooms ha deciso di “semplificare” ripiegando la feature in Facebook Live
  • Twitter a quanto pare ha spostato risorse da Spaces;
  • Amazon ha creato Amp, ma poi ha licenziato 150 delle persone che ci lavoravano

E poi ci sono i dati che ci dicono che i social audio non sono realmente in sintonia con gli utenti.

  • Solo il 2% degli adolescenti americani e degli adulti usava Twitter Spaces a gennaio 2022
  • 1% ciascuno ha usato Clubhouse e Spotify Live

Benchè i dati siano poco promettenti, alcuni credono che il social audio potrebbe funzionare con un pubblico di nicchia. Ad esempio, Twitter’s Super Follows Spaces permette ai creator di ospitare eventi audio esclusivamente per i loro subscriber a pagamento. E Discord, la piattaforma conosciuta per le sue comunità di nicchia, recentemente ha costruito la sua social audio feature, Stage Channels.

Lista delle cose da fare

  • A meno che tu non sia intenzionato a raggiungere un pubblico estremamente di nicchia, aspetta un attimo prima di investire in una social audio strategy
  • Se sei un creator, esplora le possibilità di monetizzazione diretta offerte da Twitter’s Super Follows

5. LinkedIn sarà molto più che posti di lavoro

Avete notato che il vostro feed LinkedIn si sta ultimamente riempiendo di post personali? Quel tipo di contenuto che ti aspetti di vedere sul tuo feed di Facebook?

Non sei il solo. Dall’amministratore delegato che piange a genitori sopraffatti a postare foto dei loro figli, ai consigli per l’allattamento, la piattaforma è molto più personale di ciò che è sempre stata. Alcune persone usano la piattaforma per trovare appuntamenti galanti. Perchè?

Il commento di Jason Prendergast su LinkedIn sfuma tra il professionale e il personale
Un post virale di un amministratore delegato in difficoltà con l’allattamento ha fatto nascere un dibattito nei commenti sul fatto che fosse un contenuto più adatto a Facebook.

L’algoritmo di LinkedIn è cambiato per favorire i post più personali? O la pandemia ha cancellato i confini tra la vita personale e quella professionale?

Potrebbe essere che la fiducia in Facebook, dove normalmente pubblicheremmo questo tipo di contenuto, è al minimo storico, mentre la fiducia in LinkedIn resta alta – assieme all’ engagement rate? Forse la maggior parte degli altri social network sembrano così sovrassaturi che LinkedIn sembra una buona opportunità per avere attenzione?

Classifica dei diversi social network in base alla fiducia dei consumatori (ricerca di Insider Intelligence Digital Trust 2022)

Nel 2021 abbiamo notato che similmente a Twitter, i post di LinkedIn senza link sono andati meglio di quelli con i link, suggerendo che l’algoritmo è stato modificato per favorire i contenuti che tengono le persone più a lungo sulla piattaforma. Sembra ancora essere questo il caso nel 2022, con tanti post virali contenenti un mix di long-form storytelling personale e foto (quasi come i post dei blog) vs. link a contenuti su altri siti.

Qualsiasi sia il motivo, non sembra che questo trend marcatamente meno professionale andrà da qualche parte nell’immediato.

  • LinkedIn ha investito $25 milioni in un Creator Fund, pagando 100 creator $15,000 ognuno per “condividere contenuti, far partire conversazioni, e costruire comunità.” (L’obbiettivo è notevolmente simile a quello di Instagram e Facebook, neessuna delle quali è esplicitamente una piattaforma professionale.)
  • Ha anche lanciato LinkedIn Audio Events (un clone Clubhouse) e un podcast network.
  • Ha rilasciato carousels e pulsanti di reazione — che entrambi si trovavano originariamente su Facebook ed Instagram.

Lista delle cose da fare

Non ti preoccupare. Non ti stiamo suggerendo di scivolare nei DM del tuo potenziale partner su LinkedIn. Per ora, sperimenta con ciò che segue:

  • Cambia la tua strategia di posting per includere post meno da linkedin, come parole di incoraggiamento, battute divertenti, o brevi aneddoti personali.
  • Se ti stai dilettando nella leadership del pensiero sulla piattaforma, approfittane per andare a fondo. Aiuta i tuoi executive incravattati a offrire idee e consigli da un punto di vista personale, mostrando ai tuoi follower il loro lato umano. Ma stai coi piedi per terra e mantienilo spontaneo, o altrimenti potresti rischiare un contraccolpo.
  • Considera di assumere un ghostwriter per dirigere la tua LinkedIn content strategy, e scrivere post che evitano parole in gergo.
  • Usa Hootsuite per fare crosspost di contenuti che normalmente posti su Instagram e Facebook. Traccia se funzionano bene su LinkedIn.
  • Stai attento a non condividere troppo. Anche se il personal content è un trend, si tratta sempre di una app molto professionale con 6 persone che vengono assunte ogni minuto.

6. Gen Z ridefinirà l’UGC

Lo user-generated content (UGC) è solitamente definito come il contenuto generato sui social media, piuttosto che il contenuto fatto dai brand. Per esempio, invece di condividere uno scatto fatto da un fotografo professionista, Nike potrebbe ripostare una foto di un consumatore felice di indossare l’ultimo lancio di Nike.

UGC è una buona cosa per i brand che hanno a cura la crescita della consapevolezza e che vogliono approfondire la relazione coi propri consumatori. E’ una autentica prova social, e fa sentire speciale l’UGC creator, ed entrambe le cose aumentano la lealtà verso il brand.

Detto ciò, abbiamo recentemente osservato che la Gen Z interpreta il termine “UGC” in modo completamente diverso: che è, quello di un post social media prodotto da freelance marketers o micro-influencer per lavoro.

In termini di Gen Z, i marchi pagano gli “UGC creators” per produrre contenuti che sembrano dei veri UGC.

file icon

In regalo per te: Scarica il modello gratuito per pianificare la tua Social Media Strategy rapidamente e facilmente. Puoi usare il template anche per tenere traccia dei tuoi risultati e illustrare la tua strategia al capo, ai colleghi o ai clienti.

 

Scarica il template gratuito

Ad esempio:

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Hootsuite 🦉 (@hootsuite)

A differenza degli influencer virtuali, che promuovono i brand usando i loro canali, gli UGC creators consegnano i contenuti da loro prodotti per essere distribuiti sui canali dei brand. Sono meno brand advocates dei loro content creator pagati.

Ci aspettiamo che UGC sarà definito in entrambi i modi per un po’. Ma tutto ciò indica un più ampio social media trend: brand che fanno outsourcing di lavoro social media verso la creator economy.

Lo scorso anno, abbiamo scritto della crescente importanza dell’influencer partnership per i marketer. E nel 2023, i business (particolarmente quelli grandi) continueranno a chiedere l’aiuto dei social media creator per raggiungere il loro pubblico ideale.

L’indagine Hootsuite 2023 Trends ha evidenziato che il 42% delle aziende con più di 1.000 dipendenti lavora con i creator mentre per i piccoli business (quelli con meno di 100 dipendenti) la percentuale è del 28%

Indagine Hootsuite Social media trends 2023
Fonte: Hootsuite Social Trends Report 2023

Ma c’è un nuovo aspetto della creator economy da tener d’occhio: i content creator freelance che non sono necessariamente influencers, ma che sono molto bravi sui social media e vendono i propri contenuti ai brand.

Ha senso. Reels e TikTok crescono in popolarità. E richiedono un mix speciale di capacità: acume tecnico e un livello professionale di carisma da intrattenitore. Non tutti possono produrre un Reel o un TikTok guardabile, credeteci.

Inoltre, UGC tradizionale non è così tanto disponibile sui social media come una volta. Di sicuro la social proof è ancora importante per i potenziali clienti, ma con gli algoritmi social che spingono i video più delle foto, non è probabile che la foto delle scarpe che ho comprato arriverà sui feed di molte persone.

E infine, con i budget per le campagne di marketing a rischio di tagli (leggi recessione), e le attività che preferiscono mezzi più economici di content creation, usare freelance creators per dei one-off video sembra la soluzione ovvia. Vediamo solamente crescere questo social media trend nel 2023 e oltre.

Lista delle cose da fare

  • Prova Fiverr o Upwork per trovare un freelance UGC content creator (in particolare se hai bisogno aiuto per creare Reels o TikTok) o postare una richiesta sui tuoi social media feed
  • Usa Hootsuite per programmare questi Reel e TikTok per andare in onda al momento giusto

7. Social SEO rimpiazzerà gli hastags

Secondo la ricerca interna di Google , il 40%degli utenti tra i 18 e i 24 anni usano i social media come principale motore di ricerca. Nel settembre 2022, anche il New York Times ha anche proclamato “Per la Gen Z, TikTok è il nuovo motore di ricerca.”

Globalmente, persone di qualsiasi età usano i social media per cercare i brand.

i canali più importanti per la ricerca dei brand online divisi per fascia di età

Nel frattempo, la nostra ricerca interna (ossia il test i test che facciamo sugli account instagram dei nostri scrittori) ha stabilito che usare usare didascalie con keyword ottimizzate al posto degli hastag aumenta la reperibilità del 30% e raddoppia l’engagement.

Ma come se non bastasse, Hootsuite 2023 Trend report ha stabilito che sempre più utenti di internet della fascia 16-24 usano i social media per cercare i brand dai quali vogliono comprare piuttosto dei motori di ricerca.

Utenti internet età 16-24 usano i social per la ricerca dei brand piuttosto che i motori di ricerca
Fonte: Hootsuite Social Trends Report 2023

Quindi, cosa significa per chi con i social media ci lavora?

E’ giunto il momento di aggiungere qualche keyword di ricerca alla tua social strategy. Piuttosto che sbattere qualche hastag nel tuo copy dopo che il post è finito, usa la ricerca delle keywords per trovare ispirazione nel creare contenuti che già vengono cercati dagli utenti.

Anche se non vedete un massiccio balzo nel traffico e nell’engagement spinto dalla ricerca, nel caso peggiore avrai delle nuove idee per dei nuovi post.

Un altro suggerimento per la ricerca social? Il Social Media Marketing Lead, Brayden Cohen, di Hootsuite, dice di pensare i tuoi profili social media come mini pagine landing:

“La ricerca non morirà mai se parliamo di Google. Ma le abitudini della gente stanno cambiando. Usano i social per cercare nuovi prodotti. Mentre prima, penso che la gente venisse sui social solo per le review o per conoscere un brand, adesso vanno sui social per comprare effettivamente…Il cambiamento principale dal mio punto di vista, è la mia prospettiva. he main thing it’s changed for me is my perspective. Tratto le nostre social page come una mini landing page e website. Cerco di immaginare l’utilizzo dei social come il punto d’acquisto principale.”

Lista delle cose da fare

  • Leggi il nostro blog post di social SEO per avere le basi della ricerca delle keyword
  • Comincia ad incorporare il SEO in tutto ciò che fai sui social: aggiungi keyword alla tua bio; aggiungi alt-text alle immagini, e spargi keyword rilevanti mentre scrivi le caption
  • Aggiungi il SEO alla tua strategia content: usa SEMrush o Google’s Keyword Planner per scegliere le keyword rilevanti e produrre contenuti che puntano a quelle keyword. Quindi traccia ciò che succede (preferibilmente con Hootsuite Analytics)

8. Closed captioning sarà il default sui social video

Fin dalla notte dei tempi — o almeno dal 2008 quando Facebook e YouTube lanciato le loro mobile app — gli utenti social media hanno scorso i video in modalità sileziosa. Secondo vari studi fino all’ 85% dei video social media vengono guardati senza suono, specialmente negli spazi pubblici. C’è l’80% in più di probabilità che gli utenti guardino un video fino alla fine se ha le didascalie.

Ora per quei short-form video (ok, TikTok) che si sono mangiati internet, prevediamo che nel 2023 le didascalie saranno il default per tutti i video content pubblicati. Per tre ragioni:

  • Accessibilità: non solo per le persone che lo guardano sul bus, ma anche per le persone con problemi di udito
  • Engagement: le didascalie fanno si che le persone guardino il video fino alla fine
  • Trovabilità: usare le keyword nelle didascalie è uno step cruciale nell’ottimizzazione per la ricerca video, aumentando il numero di persone che potrebbero vederlo

Lista delle cose da fare

  • Impara come usare closed captioning per il tuo short-form e long-form video
  • Assicurati che fai sentire le tue keyword nel video in modo che compaiano anche nelle didascalie
  • Se sei su TikTok ed hai poco tempo, prova la feature di auto-captioning

9. Il social commerce continuerà a crescere, nonostante i segnali confusi dai networks

Lo scorso anno, il social commerce era uno dei più grandi social media trends. Mentre le vendite sono esplose oltre i $350 miliardi in Cina, i marketers di Nord America ed Europa hanno faticato a posizionarsi per approfittare di un nuovo modo di far soldi direttamente sui social.

Ma nonostante il suo successo in Cina, i consumatori di Nord America ed Europa sono stati più lenti a mettersi in pari. Alcuni social network hanno ridimensionato le shopping features (in particolare quelle che riguardano il “live” shopping, che è un fenomeno molto meno comune nei mercati occidentali):

Questo significa che il promettente futuro dello social shopping è stato ben oltre che anticipato?

Probabilmente.

Secondo una indagine di 10.000 consumatori globali fatta da Accenture, molti consumatori ancora non si fidano del processo di comprare prodotti sui social media.

principali preoccupazioni riguardo il social shopping secondo Accenture
Fonte: Hootsuite Social Trends Report 2023

La principale preoccupazione è che il loro acquisto non è protetto o rimborsabile. Sono anche preoccupati dalla qualità ed autenticità dei loro prodotti e dei venditori sui social media. E la loro terza è più comune preoccupazione è che i consumatori non vogliono condividere le proprie informazioni finanziarie coi social network.

Hootsuite Trends report ha chiesto ai partecipanti all’indagine una domanda simile — quali sono le più grandi barriere per gli acquirenti social? — con risultati simili.

sfide per prevenire che i clienti facciano acquisti diretti
Fonte: Hootsuite Social Trends Report 2023

Nonostante questi risultati, i dati degli eMarketer prevedono che il social commerce è sempre un grosso e promettente settore, anche negli USA.

Benché la crescita dei nuovi compratori è comprensibilmente rallentata dall’inizio della pandemia, dalla fine del 2022, i consumatori esistenti avranno speso $110 in più in acquisti dai social nel 2022 rispetto al 2021, con la maggior crescita di nuovi acquirenti proveniente da TikTok. Ciò suggerisce che, nonostante le questioni di fiducia, il pubblico sta cominciando ad abituarsi ai social media come a un canale di shopping, usandolo più che mai.

Media annuale della vendita al dettaglio negli Stati Uniti average annual US retail social commerce sales per buyer 2019-2025

E mentre la live shopping experience potrebbe non aver preso sul pubblico occidentale, non è necessariamente un segnale che il social commerce sia finito. Il social commerce assume tante forme, incluso i posts/ads da cui comprare, AR shopping, rinvii, e anche seconda mano marketplace come Facebook Marketplace, tutte tattiche molto comuni in Nord America ed Europa.

Infatti, molti credono che la rimozione di Instagram del suo Shop Tab (assieme ad altre organic shopping feature come live shopping e link affiliati) sia uno sforzo di legare i proventi del social commerce più direttamente agli ads, specialmente ora che “i post raccomandati” sono inclusi nell’algoritmo di feed. Significa che vogliono che la gente compri cose sulle loro piattaforme, ma attraverso l’advertising a pagamento, perché potrebbero fare più soldi in quel modo.

Lista delle cose da fare

I negozi e le attività ecommerce dovrebbero comunque fare molta attenzione al social commerce — e i business concentrati sull’occidente dovrebbero essere proattivi per prepararsi a ciò prima che lo facciano i loro competitor.

  • Trasforma i clienti scettici in compratori offrendo facili ricompense e rimborsi, mostrando rating e recensioni da altri compratori, e tenendo aggiornati i compratori sullo status dei loro acquisti durante il percorso del cliente.
  • Non investire in live shopping se il tuo pubblico sta in Nord America o Europa. In tutti gli altri posti, vale la pena di sperimentarlo.
  • Se hai budget, spendilo in Instagram e Facebook shoppable Ads.
  • Se hai poco budget, le migliori opportunità per una crescita organica nello social shopping sono su TikTok. Fai dei post con l’hashtag #TikTokMadeMeBuyIt o aspetta che arrivi in Europa il TikTok Shop tab.
  • Usa Hootsuite per risparmiare tempo col customer service per rispondere a tutti i social DMs in una dashboard.

10. Dovrai dire ai tuoi colleghi millenials di smettere di usare le GIFs

Sarà difficile farlo capire ai millennials — in particolare quelli che sono ancora in lutto per gli skinny jeans — ma le GIF non sono solo una tecnologia non efficiente che è più vecchia di internet, non sono… più cool.

Di tutti i trends sui social media quest’anno, questo ci spezza il cuore sul serio.

Che prove abbiamo? Giphy, il motore di ricerca per le gifs, è diminuito in valore di 200 milioni di USD dal suo picco nel 2016. E sempre secondo Gify “Ci sono indicazioni di un generale declino nell’uso delle gif dovuto ad una generale diminuzione di user e content partner interessati nelle gif… Sono passate di moda come content form, con utenti più giovani, in particolare, che descrivono le gif come ‘per boomers’ e ‘cringe’.”

Solo perché le reaction gifs sono passate di moda ciò non vale per tutte le immagini animate. Usare sticker come strumenti sul tuo Instagram Stories non vi porterà da nessuna parte nel breve periodo (si, tecnicamente sono gif). E creare animazioni per dimostrare come il tuo prodotto si svolge è sempre una soluzione più agile che chiedere a qualcuno di impegnarsi con un intero video, secondo Denea Campbell, email marketing strategist di Hootsuite.

Lista delle cose da fare

  • Rompigliele gentilmente tuoi anziani
  • Aiutali ad abituarsi alle emoji, piuttosto (anche se ci son emoji solo per boomer)
  • Ricordati che alcune gif sono pratiche ed ancora ok

11. Sempre più miliardari compreranno i social network

Di tutti i social media trend del 2023, questo è quello su cui abbiamo più di tutti emozioni contrastanti.

Le social media news nel 2022 sono state una lunga serie di saghe bizantine mentre numerosi miliardari hanno messo gli occhi sui social. Elon Musk, Peter Thiel, l’artista prima conosciuto come Kanye West si sono tutti uniti a Donald Trump (Truth Social) e Jeff Bezos (che ha comprato Twitch nel 2014) finanziano, possiedono, o stanno cercando di possedere, le proprie piattaforme social media.

Mentre scriviamo, Elon Musk ha ufficialmente chiuso l’accordo per il suo acquisto da 44 miliardi di dollari di Twitter. Kanye West ha proposto l’acquisto di Parler (un free-speech social network di destra con soli 50k DAUs) nell’ottobre 2022. E Peter Thiel ha appoggiato Rumble, piattaforma video conservatrice, nel 2021.

Prevediamo che questo trend continuerà nel 2023 mentre i social media diventano una sempre più crescente forza sociale e per il business, e il sospetto riguardo l’oggettività degli algoritmi aumenta (assieme alla paura di censura e alle fake news). Potremmo anche vedere altri miliardari creare i loro social network, come l’ex presidente americano Donald Trump.

Ma questo è più improbabile, visto che il network di Trump ha in gran parte fallito nel guadagnare massa critica, e ce ne vuole ancora per essere un network nuovo di zecca guidato dalla personalità di un singolo. Molto probabilmente, quelli che hanno i soldi per farlo, continueranno a prendersi una fetta strategica di social networks.

D’altra parte, se andrà così, speriamo sinceramente che Rihanna comprerà Snapchat e MacKenzie Scott sceglierà Pinterest (o forse Goodreads mentre è ancora interessata).

Lista delle cose da fare

Le aziende non hanno una gran fetta di controllo rispetto quale miliardario ha intenzione di comprare quale piattaforma social media. Tutto ciò che puoi realmente fare è:

  • Tieni d’occhio le notizie. Una nuova proprietà può significare cambiamenti nei profitti derivanti dagli ad, nelle politiche del network, e negli algoritmi — e tu avrai bisogno di spiegare ogni calo di performance o cambiamento di strategia al tuo boss.
  • Continua a creare contenuti che risuonano col tuo pubblico. Nessun cambiamento di algoritmo può mettersi di mezzo su queste cose (si spera).
  • Assicurati che i tuoi follower ti stiano seguendo su tutti i tuoi canali social (in caso che uno di questi affondi nottetempo a causa delle decisione guidate dall’ego del nuovo proprietario).
  • Informati e informa tuo zio Pino riguardo la disinformazione e il pensiero critico.
  • Prenditi cura della tua salute mentale e proteggiti dai troll (qui i nostri migliori consigli per i professionisti dei social media).

Risparmia tempo gestendo la tua presenza social con Hootsuite. Da un’unica dashboard puoi pubblicare e programmare i tuoi post, trovare conversioni rilevanti, fare engagement col pubblico, misurare i risultati, e molto di più. Provalo gratis adesso.

Inizia ora

Con l’archivio di Konstantin Prodanovic.

Fallo meglio con Hootsuite, la soluzione tutto-in-uno per la gestione dei social media. Fai crescere il tuo business, batti la concorrenza e ottieni i risultati che ti meriti.

Prova gratis per 30 giorni (Che aspetti?)