instagram

Instagram per le aziende: guida completa per principianti

Se stai leggendo questo post è perché hai capito che Instagram è ormai un social determinante per ogni azienda e attività, piccole o grandi che siano. L’app, nata per la condivisione di contenuti da mobile, è a tutti gli effetti uno degli strumenti più importanti per costruire un brand di successo in qualsiasi campo.

Oggi Instagram è una vera e propria community in cui gli utenti visualizzano (e giudicano) l’immagine di un’attività. Senza una forte presenza su Instagram, le aziende rischiano di rimanere indietro, soprattutto per la generazione di consumatori più giovani. Utilizzandolo in modo professionale, invece, si possono cogliere tante nuove opportunità.

Di seguito ci occuperemo del “come”, spiegandoti passo dopo passo come elaborare una strategia, far decollare il tuo account e mettere in atto tecniche e best practice per un uso ottimale di Instagram.

BONUS – Come far crescere il proprio profilo Instagram e mantenerne alta la qualità? Hootsuite lo ha chiesto a Emanuel Smedbøl, fotografo d’avventura, grafico freelance, e ovviamente Instagramer di successo. Leggi la sua intervista!

BONUS – Come far crescere il proprio profilo Instagram e mantenerne alta la qualità? Hootsuite lo ha chiesto a Emanuel Smedbøl, fotografo d’avventura, grafico freelance, e ovviamente Instagramer di successo. Leggi la sua intervista!

Scarica l'intervista

Elabora la tua strategia su Instagram

Instagram per le aziende: guida per principianti 2

Comincia con qualche ricerca. Prova Instagram da privato prima di usarlo per la tua azienda. Scopri quali sono le migliori aziende su Instagram e come se la cavano altri brand nel tuo settore, inclusi i tuoi concorrenti: ne ricaverai dati utili e ispirazione per la tua attività. Una volta raggiunta una certa familiarità con l’app, inizia a elaborare la tua strategia su Instagram in modo che rispecchi il piano di social media marketing aziendale.

Innanzitutto stabilisci dei traguardi specifici, sempre tenendo in mente gli obiettivi della tua attività. Ad esempio:

  • Aumentare le vendite dei prodotti
  • Aumentare il traffico verso il sito
  • Aumentare la brand awareness

Gli obiettivi che ti poni per la tua strategia su Instagram dovrebbero essere tutti specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti (per l’obiettivo finale del tuo business) e temporizzabili. Ma vai oltre vanity metrics come numero di like e follower! Instagram per le aziende: guida per principianti 3

Una volta stabiliti i tuoi obiettivi, prepara le linee guida per la tua attività su Instagram. Ricorda: le caratteristiche specifiche di ogni social lo rendono adatto a uno specifico obiettivo. Nel caso di Instagram, la sua forza sta tutta nell’impatto visivo, per cui i tuoi obiettivi dovrebbero mirare a quello.

Ora puoi preoccuparti della strategia dei contenuti. Dovrai quindi stabilire:

  • Con che frequenza pubblicare
  • A quale ora del giorno
  • Un calendario dei contenuti
  • Il tema dei contenuti
  • Il look & feel

Su Instagram è importante mantenere una pubblicazione regolare, facendo attenzione a non sommergere i follower di post. La maggior parte dei brand pubblica da uno a tre post al giorno.

Per quanto riguarda l’orario in cui pubblicarli, dipenderà dal pubblico a cui sono diretti. Entrambi i fattori, orario e frequenza, si possono determinare con semplici test: prova a pubblicare post a intervalli diversi e in momenti diversi della giornata e verifica quali ottengono i migliori risultati. Non dimenticare di tenere presente dove si trovano i tuoi follower e che fuso orario hanno, tra le altre cose. Inoltre hai sempre gli strumenti di Analytics a disposizione (diamo per scontato che tu abbia un profilo business), e anche Hootsuite può darti parecchi insight sulle abitudini della tua audience.

A questo punto puoi redigere il calendario editoriale, che potrebbe semplicemente essere un file excel che indica quali contenuti pubblicare, chi si occuperà di pubblicare i post e quando.

Anche in questo caso, Hootsuite può venire in tuo aiuto, permettendoti di programmare tutti i tuoi post in anticipo, risparmiare tempo, aumentare l’engagement e creare una community attorno al tuo brand. Dedica un po’ di tempo ogni settimana a programmare le immagini da pubblicare su Instagram nei momenti di maggiore attività dei tuoi follower!

Costruire il tuo brand su Instagram

Non sai cosa pubblicare sul tuo account Instagram? Scegliere i temi e gli argomenti dei tuoi post è molto importante: Instagram si basa sull’impatto visivo per cui è importante che il tuo brand abbia un’identità coerente e ben riconoscibile.

Prima di tutto, scegli lo stile da usare: seleziona un filtro o un insieme di filtri da utilizzare sulla maggior parte delle tue foto (considera che quasi nessuno ormai utilizza quelli nativi, ma la maggior parte degli utenti si affida ad app di editing o ai preset).Utilizzando sempre lo stesso stile, definisci un’immagine riconoscibile dai tuoi follower.

Prendi esempio dall’account Instagram di Pastiglie Leone, che usa colori tenui in gran parte delle sue foto su Instagram, in line con quelli del brand. Basta guardare il loro profilo per associare automaticamente lo stile delle immagini alle tonalità pastello delle celebri pastiglie e delle sue scatoline di latta.

Instagram per le aziende: guida per principianti 4

A livello visivo, devi anche decidere su che tipo di contenuti incentrare le tue foto. Penserai che si tratti di una scelta ovvia: un brand di abbigliamento pubblicherà foto di abiti e outfit, mentre un ristorante userà le foto dei suoi piatti? Considera che chi fa davvero la differenza su Instagram, oggi, è chi riesce a parlare di sé…senza parlare di sé. Molti brand hanno trovato il loro stile unico puntando su immagini di vita quotidiana, che riscuotono molto successo su Instagram. A noi di Hootsuite, su Instagram piace condividere ad esempio le foto dei nostri collaboratori, dei nostri cani, degli uffici, perché è così che vogliamo rappresentare la nostra attività.

Puoi anche esplorare gli account dei tuoi follower: scopri cosa condividono e cerca di identificare delle tendenze di fondo, per poi riprenderle nei contenuti che pubblichi. Oppure puoi condividere contenuto generato dagli utenti (UGC), ovvero direttamente le foto dei tuoi follower (chiedendo prima e attribuendo loro il giusto credito, ovviamente). L’impiego di contenuti creati dagli utenti e immagini tratte dalla vita quotidiana fa risultare i post meno invadenti e meno finalizzati alla vendita, accorciando le distanze e rendendo più reali i valori del tuo brand.

L’account di Haribo Italia su Instagram usa regolarmente questo tipo di contenuti, alternandoli a foto di prodotto

Instagram per le aziende: guida per principianti 6

Infine, l’uso di hashtag legati al brand. Questo non significa semplicemente usare il nome della tua azienda come hashtag, ma di trovare hashtag che rappresentino il brand su Instagram, incoraggiando i follower a condividere foto che siano riconducibili a quell’immagine. Un esempio che ci piace citare spesso è quello di #welltravelled e Herschel.

In questo modo, il tuo brand aumenta la sua visibilità tra i potenziali clienti, mentre gli utenti di Instagram hanno l’opportunità di comparire sul profilo social di un brand, guadagnandone in prestigio e numero di follower.

Impostare l’account

Per prima cosa, scarica Instagram sul tuo dispositivo mobile, dall’Apple Store o da Google Play (gratis). Dovrai registrare un account, scegliendo un’e-mail di riferimento e una password sicura.

Una volta aperta l’app, ti verrà chiesto di compilare il tuo profilo. Prenditi il tempo che ti serve per ottimizzarlo, compilandolo in ogni sua parte con un’impostazione professionale. Visto che sei un business, ricordati di aprire un profilo business! 

Nome utente e biografia: a livello di biografia, Instagram è uno dei social network più semplici da usare. Il nome utente dovrebbe corrispondere a quello degli altri profili social della marca, per consentirne l’individuazione; il nome proprio, invece, in questo caso sarà quello dell’azienda.

Gli unici altri dati che appaiono su un profilo pubblico sono il sito web (un url, che può essere modificato per pubblicizzare campagne o nuovi contenuti) e una breve biografia da 150 caratteri. Data la lunghezza limitata, in questo campo cerca di dire le cose in modo diretto, ma non troppo serio. Spiega di cosa si occupa la tua azienda, qual è la tua attività e cosa ci si può aspettare dal profilo Instagram. Mantieni un tono lieve ma d’effetto. Non dimenticare di includere gli eventuali hashtag che vuoi associare al brand.

Foto profilo: l’ideale sarebbe usare come foto profilo il logo dell’azienda, e di utilizzare la stessa immagine presente sugli altri profili social. In questo modo il tuo profilo sarà più facilmente individuabile e gli utenti che ti seguono su Twitter e Facebook lo riconosceranno subito.

Sull’app, la foto profilo di Instagram appare con un taglio rotondo, per cui assicurati di scegliere un’immagine che vada bene per quella forma. Anche se per i dispositivi mobili basta una foto di 110 pixel di diametro, usane una più grande per avere un miglior risultato sul web.

Attivare le notifiche: l’attivazione delle notifiche push serve per segnalarti like, commenti, nuovi follower, attività diretta su Instagram e foto che ti ritraggono. Tutti questi elementi sono fondamentali per l’engagement degli utenti e per le campagne che usano contenuti generati dagli utenti. Se qualcuno ti tagga in una foto, le notifiche push ti consentono di scoprirlo subito e di ringraziare l’utente, commentare o condividere la loro foto sul tuo profilo.

Seguire altri utenti: infine, per dare il via al tuo account Instagram aziendale, inizia a seguire un po’ di utenti. Scegli i maggiori influencer del tuo settore, clienti e utenti coinvolgenti. Scopri quali sono gli hashtag più importanti nel tuo campo e guadagna visibilità commentando le foto e seguendo gli utenti che partecipano alle conversazioni in merito.

Quindi…interagisci! Non stare ad aspettare che like e follower piovano dal cielo, vatteli a cercare! Ma non affidarti alle ormai obsolete e odiatissime tecniche di #follow4follow (con conseguente unfollow) o lik4like. E soprattutto: non comprare follower!

Piuttosto, aggiungi il link a Instagram sui tuoi profili social e siti web, per una promozione incrociata. Puoi anche pubblicare qualche messaggio chiedendo ai tuoi follower su altri social di seguirti anche su Instagram. Inizia a sperimentare, insomma. I tempi in cui l’algoritmo giocava a favore della reach organica sono purtroppo finiti, ma ci sono tanti modi per crescere in modo genuino.

Infine, metti in piano di dedicare budget agli Instagram Ads. Oggi è quasi impossibile ottenere visibilità per i tuoi contenuti se non ti affidi alla pubblicità su Instagram!

Alcune best practice 

Ecco alcuni consigli da seguire affinché la tua azienda parta col piede giusto su Instagram.

  • Trova i contenuti giusti per la tua audience. Una banca non può imitare Starbucks o Red Bull e aspettarsi di ottenere gli stessi risultati. Focalizzati sul tuo pubblico e crea un’immagine tua che susciti l’interesse della tua audience e ne soddisfi le aspettative.
  • Usa le caption per raccontare storie. Instagram è un social network basato sull’impatto visivo, per cui molti dedicano poca attenzione alle didascalie. Al contrario, poche righe di testo possono trasformarsi in un elemento inestimabile, consentendoti di ampliare la storia dietro l’immagine, di contestualizzarla e persino di far ridere (con le giuste emoji). Inoltre, è lo strumento che ti permette di mettere l’immagine in relazione alla tua attività.
  • Usa le Storie. Sono il formato che ormai regna sovrano sui social, non puoi rimanere indietro. Non devi necessariamente realizzare video elaborati fin da subito, puoi iniziare con l’aggiungere un po’ di colore e creatività ai contenuti che pubblicheresti normalmente sul profilo. Vedrai che i risultati saranno garantiti. E poi puoi anche metterle in evidenza, come showcase dei tuoi contenuti migliori.
  • Instagram è ancora la piattaforma perfetta per i contest. Nell’ambito di un contest, puoi chiedere agli utenti di commentare o condividere una foto, citare un certo numero di amici o persino condividere le proprie foto con uno specifico hashtag. Molti utenti considerano questo tipo di promozioni come un modo simpatico di interagire con un brand su Instagram, quindi non temere di infastidirli. Prova a lanciare un concorso, tieni d’occhio le relative statistiche e scopri come influisce sulla tua attività. Potrebbe diventare un evento ricorrente a cui i tuoi follower si affezioneranno.
  • Valuta la possibilità di collaborare con un utente di Instagram molto popolare o con un influencer del tuo settore. Prova a concedergli la gestione dell’account del tuo brand per un giorno (in gergo si chiama takeover) o a condividere i suoi contenuti, se riguardano i tuoi prodotti o servizi. In questo modo darai molta visibilità al tuo account e ne trarrai vantaggio in termini di immagine e reputazione. Ormai la maggior parte degli influencer riceve un compenso per queste collaborazioni, quindi considera di allocare un budget. Sono finiti i tempi degli omaggi in cambio di qualche post ;)
  • Instagram è una piattaforma pubblicitaria. I risultati ottenuti sono stati impressionanti fin da subito: al lancio degli ads, in più di 475 campagne internazionali la risonanza delle pubblicità tramite i post sponsorizzati su Instagram era stata di 2,9 volte maggiore dello standard di Nielsen per le pubblicità online. Immagina ora!

Infine, ricordati che Instagram, ancor più di altri social, è una piattaforma in continua evoluzione e con decine di feature che si aggiungono o cambiano rapidamente. Ti abbiamo fornito le basi con questo articolo, ma ti consigliamo di approfondire subito l’argomento con delle letture più specifiche. Qui ne trovi alcune:


Sai che puoi gestire e programmare i tuoi post su Instagram con Hootsuite?

Provalo gratis!